Chi siamo

BOSNIA AND HERZEGOVINA - CROSSING THE BALKANS

La rete RiVolti ai Balcani

La rete RiVolti ai Balcani è nata nell’ottobre 2019 con l’intenzione di tutelare i diritti di chi percorre la “rotta balcanica” cercando di raggiungere l’Unione europea. È composta da più di trenta realtà italiane dell’associazionismo e dell’accoglienza, del giornalismo, dell’arte, dell’attivismo e del mondo accademico, coinvolge cittadine e cittadini che, a vario titolo, hanno scelto di farne parte. Un movimento trasversale che vuole rompere il silenzio su quanto accade lungo i confini europei e sostenere chi, nei Paesi di transito, si impegna al fianco delle persone in cammino. La denuncia si trasforma così anche in azione: dal maggio 2020 RiVolti ai Balcani finanzia alcuni progetti “del basso” di realtà associative che operano a favore dei migranti in Bosnia ed Erzegovina. 

Chi fa parte di RiVolti ai Balcani

ADL a Zavidovici, Altreconomia, Amnesty Brescia, Amnesty International Italia, ARCI Spazio Condiviso, Articolo 10, ASGI, Associazione Almaterra Torino, Associazione CIAC Onlus, Associazione Lungo la rotta balcanica, Associazione Lutva, Associazione Mamre Borgomanero, Associazione Mir Sada, Associazione per la Pace Padova, Babelia Progetti Culturali, Baobab Experience, Carovane Migranti, Centro Asteria, Consorzio Italiano di Solidarietà (ICS), Cooperativa Kemay, CRI Arona, Easo Brescia, Emmaus Ferrara, FOIC – Fiorenzuola,  Oltre I Confini, Fondazione Internazionale Il Giardino delle Rose Blu, Linea d’ombra ODV, MEDU, One Bridge to Idomeni, Ospiti in arrivo Udine, Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa, Progetto Melting Pot Europa, Q Code, Qui Lecco Libera, SOS Diritti Venezia, TojeTO, Umanità IninterRotta, Volontari Rete Milano

Newsletter

Per rimanere aggiornato su ciò che facciamo

Vuoi darci una mano?