In movimento con U Pokretu

Il progetto mira a sensibilizzare la comunità locale di Bihać, soprattutto la popolazione più giovane, sul contesto migratorio in cui vivono grazie a iniziative di incontro tra le persone in transito e la popolazione residente.

Luogo: Bihać

Nome: U Pokretu 

U Pokretu (“In movimento”) è una associazione bosniaca composta da giovani volontari, locali e internazionali, che ha lo scopo di implementare progetti educativi e artistici nella città, per coinvolgere i giovani (il target è quello dei 15-18 anni), in un territorio che offre loro ben poche prospettive, e permettergli di sviluppare nuove competenze e passioni, attraverso la realizzazione di eventi culturali, iniziative ambientaliste, laboratori, momenti di formazione e proposte sportive.

Per realizzare queste attività l’associazione ha preso in gestione e ristrutturato, anche con il supporto di RiVolti ai Balcani, uno spazio del municipio, che secondo il progetto di U Pokretu diventerà presto luogo di aggregazione per i giovani locali e migranti. È stato inaugurato una prima volta a metà novembre 2021.

Sempre grazie al sostegno della rete, già nell’estate del 2021 la giovane realtà ha proposto alla città iniziative in questo senso: una serie di proiezioni di film e documentari su vare temi (come migrazioni, ambiente, parità di genere), accompagnate da un piccolo festival di cucina multietnica, che sono stati in grado di suscitare l’interesse del circondario bosniaco e delle persone in movimento.


1 aprile 2022

Come procedono i progetti finanziati da RiVolti? Siamo tornati a trovare U Pokretu

Da ottobre sono partite varie attività in U Pokretu. Si cerca di far conoscere il posto come luogo di incontro. Alcune attività di formazione per la popolazione locale sono già cominciate. Si stanno ideando proposte all’aperto di ambito culturale (sulla scorta delle proiezioni all’aperto dell’anno scorso). Ora, ogni settimana proiettano un film al chiuso. Hanno cominciato un progetto con Ipsia sul tema delle migrazioni, per lo più si fanno vedere documentari nelle scuole per sensibilizzare i giovani. Altre attività sono il veggie garden, una mostra del museo di Sarajevo allestita qui per più giorni (inizio luglio), il book lab. I quadri che ci sono alle pareti sono di artisti locali. U Porketu è parte del programma Erasmus +.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Newsletter

Per rimanere aggiornato su ciò che facciamo