Notizie dalla rotta

News e fatti significativi raccolti ogni settimana. Dai Balcani all'Italia, passando per l'Ue

23 marzo 2022

“Falsa speranza”: i burundesi sono stati ingannati per pagare molto per l’asilo in Serbia

Il Balkan Insight ha ricostruito uno schema piramidale che induce cittadini burundesi “disperati” a pagare migliaia di euro in cambio della falsa garanzia di ingresso in Serbia e l’eventuale asilo.

17 marzo 2022

Lo scandalo Frontex: i vertici avevano le prove dei respingimenti davanti alla Grecia e le hanno occultate

Sotto accusa il capo dell’agenzia che sorveglia i confini esterni, Fabrice Leggeri. Avrebbe occultato le prove di quanto accaduto nell’Egeo.

14 marzo 2022

Due rifugiati, entrambi al confine polacco. Ma sono due “mondi a parte”

Un giovane in fuga dalla guerra in Sudan e una giovane donna che stava evacuando l’Ucraina sono entrate in Polonia contemporaneamente. Hanno avuto esperienze molto diverse.

6 marzo 2022

La triste storia della Direttiva europea che dà protezione agli ucraini in fuga

Il 3 marzo il Consiglio europeo ha attuato la Direttiva 55 del 2001 per garantire tutela immediata e temporanea alle persone in fuga dalla guerra. Un’applicazione positiva ma drammaticamente tardiva, che avrebbe potuto riguardare anche i popoli siriani o afghani, e che giunge dopo anni di esternalizzazione, chiusure, respingimenti.

20 febbraio 2022

Frontex nei Balcani punta sui dati biometrici per bloccare le persone

Dalla Bosnia ed Erzegovina alla Macedonia del Nord, l’Agenzia europea sta sperimentando un nuovo sistema di sorveglianza ed espulsione che minaccia i diritti dei migranti. È potenzialmente pericoloso anche per i cittadini dell’Unione.

15 febbraio 2022

La Francia spinge per il “limbo legale” ai confini dell’Europa

La presidenza francese dell’Ue sta facendo pressioni per la creazione di un limbo legale vicino ai suoi confini. Un tale passo ha allarmato a lungo gli attivisti per i diritti umani, che avvertono che potrebbe portare alla detenzione sistematica di migranti vulnerabili ai confini dell’UE e alla creazione di accampamenti simili a ghetti.

13 febbraio 2022

Report mensile del Border violence monitoring network sui respingimenti nell’area balcanica

A gennaio, la rete ha registrato 29 testimonianze di respingimenti che hanno avuto un impatto su 344 persone in movimento attraverso i Balcani. 

8 febbraio 2022

Le richieste di asilo albanesi continuano ad aumentare anno dopo anno

Secondo i dati pubblicati dall’Agenzia dell’Unione europea per l’asilo, dal gennaio al novembre 2021 sono state presentate oltre 10mila domande di asilo da parte di cittadini albanesi, con un aumento del 66% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’Albania detiene il record per la nazione con il maggior numero di richiedenti asilo nello spazio Ue.

7 febbraio 2022

Perché le persone originarie del Bangladesh intraprendono vie “irregolari” per raggiungere l’Italia?

Rahman ha affermato che i trafficanti di esseri umani del Bangladesh che vivono in Serbia chiedono tra i 4mila ei 6mila euro a persona per contrabbandare qualcuno dalla Serbia all’Italia. “Il modo più sicuro per fare il viaggio è salire su un camion che va in Italia dalla Serbia. Ma devi pagare un sacco di soldi ai trafficanti per realizzarlo”, ha detto il giovane. “Altri modi includono attraversare i confini a piedi, che è rischioso ma meno costoso”.

4 febbraio 2022

Accuse di tortura contro le guardie di frontiera greche

La denuncia di Parvin A. giovane donna iraniana che accusa le autorità greche di violenze nei respingimenti verso le coste turche. La ricostruzione di quanto accaduto a cura di Der Spiegel in collaborazione con il Forensic Architecture.

24 gennaio 2022

Le Ong accusano il governo cresco della “crisi della fame” nei campi profughi

Diverse Ong hanno accusato il governo greco di fomentare una crisi della fame nei campi profughi con scelte politiche “consapevoli” che hanno impedito a migliaia di persone di accedere al cibo.

23 gennaio 2022

I migranti al confine con l’Ungheria diventano parte della campagna elettorale

Il primo ministro Viktor Orban, a seguito di sondaggi che suggeriscono che ad aprile affronterà le sue elezioni più combattute in oltre dieci anni, sta facendo una campagna anti-immigrazione ed è desideroso di usare la prospettiva di un’ondata di migranti che si accumulano al confine dell’Ungheria come mezzo per mobilitare la sua base di elettori conservatori.

21 gennaio 2022

Rotta balcanica: aumentano i flussi mentre l’Europa si chiude. Gli afghani in fuga dai talebani affrontano gravi condizioni ai confini Ue

Il Collective Aid, una ONG attiva in tutta la regione dei Balcani, riferisce di sgomberi da campi informali e di violenze indiscriminate e distruzione di proprietà da parte della polizia serba contro le persone in movimento nella Serbia settentrionale. Intanto, aumenta la violenza nei confronti degli afghani

18 gennaio 2022

Spesi 31,5 milioni per il muro anti-migranti

Il governo sloveno dichiara che per la costruzione del filo spinato al confine con la Croazia ha speso in totale 31,5 milioni di euro. Saranno costruiti altri cinquanta chilometri di “muro”.

19 gennaio 2022

La rotta balcanica prima della rotta balcanica

Sempre più battuta a partire dal 2010 ma letteralmente “esplosa” nel biennio 2015-16, quando è stata attraversata da quasi un milione di persone, la cosiddetta “rotta balcanica”, ha assunto negli ultimi anni un ruolo centrale nell’evoluzione dei fenomeni migratori diretti verso l’Unione europea.

12 gennaio 2022

Sono 629 i casi di respingimenti illegali dalla Grecia verso la Turchia registrati nel 2021

Un rapporto di Aegean Boat Report ricostruisce come nel 2021 sono stati registrati 629 casi di respingimento illegale di migranti nelle isole dell’Egeo: la maggior parte (371 di loro) si è svolta sulle isole di Lesbo e Samo.

7 gennaio 2022

Niente “asilo” in Slovenia

Il rapporto redatto da Infokolpa mette in luce le pratiche di respingimento e la progressiva erosione del diritto d’asilo in Slovenia. Trovano conferma le strategie violente ed illegali della “guerra asimmetrica” contro le persone in movimento e in cerca di protezione, portata avanti dagli Stati e dall’Ue in modo sempre più unitario e coerente.

5 gennaio 2022

Varcare le frontiere: in un caffè di Belgrado, codici, contanti e una quota per lo Stato

Una recinzione di filo spinato al confine ungherese a nord e le tattiche, a volte violente, impiegate dalla polizia croata a ovest hanno dato origine a una redditizia industria del contrabbando dei migranti. Le storie dell’orrore sono comuni, le persone in transito sono vulnerabili a frode e sfruttamento, prostituzione, stupro, abusi fisici e rapimenti.

3 gennaio 2022

Macedonia del Nord e migranti, una storia di solidarietà

Lence Zdravkin, una donna di 54 anni che vive nella città di Veles, è divenuta famosa per l’aiuto che presta da oltre otto anni ai rifugiati nel loro viaggio verso i paesi dell’Europa occidentale. Migliaia di rifugiati provenienti dall’Afghanistan, dalla Siria, dall’Iraq e da altri paesi, entrati in Macedonia del Nord dalla Grecia, continuano il loro viaggio seguendo la ferrovia, che sanno li condurrà fuori dal paese verso nord e verso la destinazione che sperano di raggiungere.

31 dicembre 2021

Sarajevo vicolo cieco

L’ingresso in Unione Europea dalla Croazia è diventato più difficile e pericoloso e i migranti arrivati ​​in Bosnia sono bloccati. Avendo esaurito le loro risorse e con il governo bosniaco che impedisce alle Ong di assisterli, sopravvivono con lavori saltuari o sprofondano nell’apatia e nella droga.

27 dicembre 2021

Migranti, soldi dell’Italia per confinarli nel centro bosniaco di Lipa

L’Italia ha finanziato con un milione e mezzo di euro il centro sul confine tra Bosnia e Croazia. Il rapporto di RiVolti ai Balcani spiega perché non c’è niente di temporaneo e svela il volto di un’Europa che investe sui respingimenti costruendo luoghi dove le persone sono dimenticate e i diritti sospesi.

23 dicembre 2021

La feroce “normalità” dei respingimenti illegali ai confini dell’Unione europea

Da gennaio a novembre 2021 la rete internazionale Prab denuncia quasi 12mila casi di #pushback in Europa: il 74% tra Croazia e Bosnia ed Erzegovina. Tra le nazionalità più colpite c’è anche quella afghana. Sono coinvolte famiglie con minori.

8 dicembre 2021

Violenza e abusi contro i migranti lungo la rotta balcanica. Il caso della Croazia

Le autorità croate hanno sistematicamente aggredito le persone in transito, negando loro il diritto d’asilo e violando il diritto europeo e internazionale. L’accusa di Amnesty International dopo la pubblicazione integrale del durissimo report del Comitato europeo per la prevenzione della tortura sulle violenze di Zagabria

6 dicembre 2021

Il nido dell’aquila. Migranti, rifugiati percorrono la nuova rotta balcanica

Il “nido dell’aquila”: migranti e rifugiati percorrono la nuova rotta balcanica. Migranti e rifugiati che tentano di raggiungere l’Ue utilizzano sempre più una nuova rotta attraverso il Kosovo, aiutati da trafficanti e intermediari locali.

1 dicembre 2021

Rotta balcanica: storie e progetti solidali in Bosnia ed Erzegovina

Da Tuzla a Sarajevo, da Bihać a Velika Kladuša: decine di volontari e attivisti, bosniaci o internazionali, supportano dal basso i diritti e le necessità dei migranti in transito in Bosnia ed Erzegovina.

25 novembre 2021

Cittadini italiani trattenuti e respinti al confine greco-macedone: Asgi accusa Frontex

Quattro soci dell’Associazione Studi Giuridici Immigrazione che stavano svolgendo un sopralluogo sul confine greco-macedone sono stati prima fermati da agenti della polizia greca e di Frontex e poi respinti verso la Macedonia del Nord. “Un chiaro indicatore dei rischi che corrono i cittadini stranieri che tentano di raggiungere l’Ue. Vogliamo spiegazioni”

22 novembre 2021

“Basta al benvenuto per i rifugiati”. Il ministro degli Interni sloveno chiede all’Unione europea di sigillare i confini

L’Unione europea deve “sigillare” le sue frontiere esterne per scoraggiare i migranti che non sono più i benvenuti nel ricco blocco di 27 membri, ha dichiarato giovedì il ministro degli Interni sloveno Ales Hojs, che attualmente presiede il Consiglio dell’Ue.

10 novembre 2021

Tra Slovenia e Croazia c’è un filo spinato che uccide

Tra Slovenia e Croazia c’è un filo spinato che uccide. Il documentario di Tiha K. Gudac racconta come il “nuovo” muro europeo oltre che traumatizzare le persone in transito, separa e divide la vita delle comunità locali.

8 novembre 2021

Confine Bosnia-Croazia. Aerei Ue a caccia di profughi e ruspe per scacciare le famiglie

Come nel Mediterraneo gli equipaggi di Frontex danno la caccia ai migranti sui barconi da riconsegnare agli aguzzini dei campi di prigionia, nei Balcani puntano i teleobiettivi tra costoni, dirupi, foreste fittissime, segnalando poi alle squadre croate sul terreno la posizione dei profughi.

2 novembre 2021

La Bosnia rischia nuovamente di dividersi, avverte un alto funzionario internazionale

Il principale rappresentante della comunità internazionale in Bosnia ha avvertito che c’è un rischio “molto reale” di un ritorno al conflitto. Christian Schmidt ha affermato che se la minaccia dei separatisti serbi di ricreare il proprio esercito, dividendo le forze armate nazionali in due, dovesse diventare realtà più forze di pace internazionali sarebbero necessarie per evitare lo scoppio di una nuova guerra.

23 ottobre 2021

Violenze e respingimenti: la “stretta” della Slovenia sui migranti. Con l’aiuto dell’Italia

Otto casi di respingimenti a catena dalla Slovenia alla Bosnia ed Erzegovina nel mese di settembre 2021. Più di cento persone coinvolte, in prevalenza cittadini afghani e pakistani, che denunciano violenze da parte della polizia slovena. Molte di loro (almeno 34) sono state fermate a “un passo” dal confine italiano: la “stretta” del governo di Lubiana sul controllo del territorio, in collaborazione con la polizia italiana, sembra dare i primi risultati.

13 ottobre 2021

I nuovi muri europei contro i migranti

Non servono a fermare le persone, producono sofferenze inaudite e spingono migranti e trafficanti ad aprire altre rotte, ma nonostante questo l’Europa sta entrando in una nuova epoca dei muri. davanti alla possibilità di una nuova ondata di profughi in particolare provenienti dall’Afghanistan, dodici Paesi europei hanno chiesto a Bruxelles di finanziare con fondi europei la costruzione di muri alle loro frontiere.

8 ottobre 2021

Respingimenti sulla rotta balcanica: l’inchiesta che smaschera la polizia croata e l’Ue

Un team di giornalisti internazionali ha documentato a inizio ottobre le brutalità dei corpi speciali nei confronti delle persone in transito, migranti e richiedenti asilo, al confine tra Croazia e Bosnia ed Erzegovina. “Il silenzio intollerabile dell’Europa in questi anni continua. Non è sufficiente preoccuparsi” denuncia Maddalena Avon del Centro studi per la pace di Zagabria.

3 ottobre 2021

Per i migranti in Grecia, la strada per il paradiso passa per l’Albania

All’inizio degli anni Novanta, decine di migliaia di migranti albanesi impoveriti hanno arrancato attraverso i boschi di querce vicino al villaggio di Ieropigi, schivando le pattuglie di confine greche per cercare lavoro in Grecia dopo il crollo del comunismo in Albania. Trent’anni dopo, il flusso transfrontaliero si è invertito, anche se su scala molto più ridotta. Ora sono le persone del Medio Oriente e dell’Africa che corrono attraverso gli stessi boschi di querce, spostandosi questa volta dalla Grecia all’Albania, a metà del loro lungo viaggio verso il cuore dell’Europa.

27 settembre 2021

La violenza della polizia in Bosnia ed Ezergovina e i rischi per le persone in transito

Il Consiglio d’Europa censura il governo di Sarajevo: diffusi i maltrattamenti e le violenze da parte delle forze dell’ordine, in alcuni casi “equivalenti alla tortura”. Un problema che riguarda anche i migranti bloccati alle porte dell’Unione europea. Ma i respingimenti dalla Croazia (e non solo) continuano.

26 settembre 2021 

Le violenze sui cittadini afghani respinti alle porte dell’Unione europea

Secondo Border Violence Monitoring Network, dal gennaio 2017 all’agosto 2021, lungo la rotta balcanica 11,300 afghani sono stati vittime di respingimenti. In totale, 481 casi di #pushback registrati, che rappresentano il 41% di tutte le testimonianze raccolte dalla rete. Le statistiche evidenziano come, nei casi registrati che coinvolgono afghani, le persone sono state prese di mira con brutale violenza fisica, che in molti casi equivale alla tortura.

14 settembre 2021

Vite sulla rotta – Q Code

Le donne della rotta balcanica esistono, sono tante e sono esauste: spesso rimangono indietro per fattori culturali o sanitari, altre volte perché si occupano dei bambini. Oggi sappiamo che subiscono forte violenze: tante di loro state derubate, picchiate, umiliate e insultate ripetutamente dai poliziotti e dalle poliziotte croate e spesso vivono in situazioni di vicinanza forzata con altri gruppi etnici che peggiorano, se possibile, la situazione.

9 settembre 2021

Da un inferno all’altro. A un anno dall’incendio del campo profughi di Moria

A un anno di distanza dall’incendio del campo di Moria, quello che è certo è che l’Europa ha perso l’ennesima occasione per ripensare le sue politiche migratorie. Dopo l’incendio poteva riorganizzare l’accoglienza, redistribuire le persone e pretendere che gli Stati membri si facessero carico di poche migliaia di persone. Invece le autorità europee hanno deciso di rimpiazzare l’inferno con un altro inferno, una prigione con un’altra prigione.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Newsletter

Per rimanere aggiornato su ciò che facciamo